Giustizia

Enzo Tortora, lettere dal carcere

12/04/2016

Ci ha lasciato il 18 maggio 1988, stroncato da un tumore, conseguenza – si può fondatamente ritenere – anche di un lungo, ingiusto, doloroso calvario patito. Enzo Tortora è arrestato nel cuore della notte, ed “esibito” ore dopo con le manette ai polsi, quando si è ben sicuri che TV e giornalisti sono “in posizione” da ripresa; e bisognerebbe sapere chi ha dato quell’ordine, che porta alla prima di una infinita serie di mascalzonate.

Vignetta di Alessandro Barchiesi

05/04/2016

Giustizia: 41 bis applicato su larga scala nel tentativo di produrre pentiti. Ndo Cojo Cojo.

Tortura democratica? NO GRAZIE

21/07/2013

SOS Italy: staffetta europea di una settimana di sciopero della fame: Amnistia per la Repubblica e referendum radicali

SOS Italy da Exeter a Gent passando per Londra e Bruxelles. Staffetta di una settimana di sciopero della fame per Amnistia per la Repubblica e referendum radicali.

20/06/2013

Referendum anche a Bruxelles

Da lunedì 24 giugno presso il Consolato Italiano a Bruxelles i cittadini italiani residenti in Belgio potranno sottoscrivere il Progetto di legge di iniziativa popolare riguardante il "rifiuto di trattamenti sanitari e liceità dell'eutanasia" lanciato dall'Associazione Luca Coscioni.

20/10/2009

Intervista a Marco Pannella: Responsabilità civile dei giudici

Il Parlamento, certo. Dove nel 1988 andò in scena, ricorda oggi Marco Pannella, il varo della "legge Vassalli" che di fatto rese intoccabile la magistratura. «Quella legge fu il prodotto dell’asse partitocratrico nelle due sue componenti di destra e di sinistra», attacca il leader radicale, Comizio di Marco Pannella, antiproibizionista, e in memoria di Enzo TortoraComizio di Marco Pannella, antiproibizionista,
e in memoria di Enzo Tortora
che l’anno prima, nel 1987, insieme ad Enzo Tortora vinse la battaglia referendaria per introdurre anche per le toghe il principio della responsabilità in sede civile. Ma anche la Corte costituzionale cui poco meno due settimane fa tutti applaudivano per la bocciatura del "lodo Alfano", denuncia. Pannella, giocò la sua parte nella partita che di fatto annullò il risultato uscito dalle urne. Il risultato è un Paese che in questi anni sulla giustizia ha subìto più danni - «incivili, barbari e criminogeni» - che nel Ventennio fascista.

 
Syndicate content