ONU/ARLACCHI : TURCO (LISTA BONINO) QUANDO ARLACCHI RISPONDERA’ A CINQUE DOMANDE


ONU/ARLACCHI : TURCO (LISTA BONINO) QUANDO ARLACCHI RISPONDERA’ A CINQUE DOMANDE SAPREMO SE LA GESTIONE E IL CONTROLLLO DELLE AGENZIE DELL’ONU VANNO PROFONDAMENTE RIFORMATI O SE ARLACCHI DEVE ESSERE RIMOSSO DA VICESEGRETARIO ONU, NONOSTANTE CASELLI E KOFI ANNAN.

Dichiarazione di Maurizio Turco, deputato europeo, capogruppo degli eletti della Lista Bonino :

“Il vicesegretario dell’ONU Giuseppe Arlacchi sostiene di aver appreso da “fonti ufficiali” che l’inchiesta sulle dichiarazioni di un ex collaboratore si è conclusa a suo favore e che pur di danneggiarlo si è arrivati anche a falsificare una serie di documenti.

Premesso che l’ex collaboratore era uno dei direttori dell’ufficio diretto da Arlacchi;
che sostiene di aver ricoperto quell’incarico su richiesta dello stesso Arlacchi;
che non ha fatto delle dichiarazioni, quasi fosse un infame, ma ha semplicemente inviato allo stesso Arlacchi una lettera di dimissioni.

Siccome abbiamo evidentemente fonti di informazione diverse prima che le dichiarazioni di Arlacchi vengano prese per buone,lo stesso deve una risposta chiara ai seguenti quesiti :
1. le fonti ufficiali sono anche pubbliche?
2. le informazioni le ha ottenute in quanto parte “lesa” o in quanto vicesegretario dell’ONU?
3. l’inchiesta di cui parla è quella dell’OIOS (l’ufficio di controllo interno dell’ONU)? Di questa inchiesta ha letto la versione originale? La può produrre oppure è stata secretata?
4. visto che l’Olanda ha deciso di bloccare i fondi destinati all’agenzia diretta da Arlacchi in attesa dei risultati dell’inchiesta menzionata, con grave danno all’immagine e alla credibilità dell’ONU, ha idea di quando le NU intendano dare ufficialmente la notizia che l’inchiesta si è conclusa favorevolmente?
5. Può menzionare la serie di documenti falsificati?

Quando Arlacchi avrà risposto a tutti questi quesiti risulterà chiaro o che l’ONU va urgentemente e radicalmente riformata o che Arlacchi va rimosso da vicesegretario dell’ONU; nonostante l’aiuto che può venirgli a livello internazionale da Caselli o le difficoltà di Kofi Annan ad ammettere che un’agenzia dell’ONU possa essere gestita così come descritto nella lettera di dimissioni dell’”ex collaboratore”. “