MOSCA 9 giugno 1992 - CONFERENZA STAMPA DEL PARTITO RADICALE SULLA SITUAZIONE DEI DETENUTI NEL CARCERE DELLA REGIONE PRIMORSKI (NEI PRESSI DI VLADIVOSTOK - MAR DEL GIAPPONE)


Oggi, presso la sede del Partito Radicale di Mosca, si e' tenuta una conferenza stampa per denunciare la situazione di assoluta mancanza di qualsiasi rispetto dei diritti umani nella prigione della regione di Primorski. Sulla costa del mar del Giappone. Alla conferenza ha partecipato Andrej Smirnof, gia' detenuto in quel carcere, che dopo la sua liberazione si e' fatto portavoce della situazione interna al carcere. Circa trecento le lettere dei detenuti giuntegli negli ultimi mesi che denunciano ogni tipo di violenza, anche in presenza di medici e dei procuratori della giustizia. Una di queste lettere e' di un detenuto iscritto al Partito Radicale che ha invitato Andrej, che per il suo status di ex-detenuto non potrebbe uscire dalla sua citta', ha mettersi in contatto con il P.R. Alcuni detenuti, ufficialmente morti per cause naturali, sono molto piu' probabilmente morti in conseguienza delle violenze subite. Anche una delegazione di deputati del Soviet Supremo della Russia a visitato il carcere, ma niente e' cambiato nonostante abbia riscontrato pesanti responsabilita' della amministrazione carceraria. Le proteste dei detenuti hanno solo prodotto la condanna di tre di loro per "ORGANIZZAZIONE DI DISORDINI". Il contenuto delle trecento lettere del carcere di Prismorki rappresenterebbero certamente un tremendo spaccato della situazione carceraria nella ex-URSS. Solo che avessimo la forza di pubblicarle e diffonderle, e' stata la conclusione di Andrej Smirnof. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche Irina Podlessova, vice-tesoriera del Partito Radicale per le repubbliche EX-URSS e Andrea Tamburi consigliere federale del P.R.