Interrogazione di Marco Cappato e Marco Pannella alla Commissione sulla Pena di morte in Afghanistan


Considerato che il 22 gennaio scorso un tribunale del nord dell'Afghanistan, nella provincia di Balkh ha condannato morte un giornalista, Perwiz Kambakhsh, 23 anni accusato di ''blasfemia'' nei confronti dell'Islam per aver distribuito ai suoi compagni di universita' articoli tratti da un sito
internet sul ruolo delle donne nel Corano e critiche nei confronti del testo sacro;
Considerato che, secondo la famiglia del giovane, il processo contro Kambakhsh si e' svolto a porte chiuse senza che gli fosse concesso un avvocato per la sua difesa;
Considerato che il consiglio degli ulema dell'est dell'Afghanistan si è felicitato per questa decisione e che altri due consigli di ulema hanno chiesto la pena capitale contro il giovane;

Considerato il sostegno finanziario e politico dell'Unione Europea nei confronti dell'Afghanistan, si chiede:

Quali azioni intende la Commissione intraprendere, anche attraverso la sua presenza a Kabul, per evitare che la condanna alla pena capitale comminata al giovane su-menzionato venga eseguita, anche alla luce della votazione della 62° Assemblea Generale delle Nazioni Unite della moratoria universale sulla pena di morte?