IL VATICANO: TERRORISTA CHI PROPAGANDA L'ABORTO

Maria Antonietta Calabrò
Il Corriere della Sera

ROMA - Oltre all'"abomìnevole terrorismo dei kamikaze" che assomiglia a un "perverso film sul male" girato ogni giorno in qualche regione diversa del mondo "con sceneggiature sempre nuove e crudeli", esiste anche "un cosiddetto terrorismo dal volto umano che viene subdolamente propagandato dai mezzi di comunicazione sociale". In tale categoria rientrano l'aborto, l'eutanasia, ma anche la pillola abortiva Ru 486 e i laboratori dove si manipolano gli embrioni, e quei Parlamenti che approvano leggi contrarie all'essere umano. Tutto ciò puo essere paragonato alle sette sataniche che praticano "un vero e proprio culto sacrilego del male".
Questo durissimo j'accuse è stato lanciato da monsignor Angelo Amato, numero due della Congregazione per la dottrina della fede. Teologo autorevole, Amato è stato braccio destro dell'allora cardinale Ratzinger nell'ex Sant'Uffizio, a partire dal 2003. Il "terrorismo dal volto umano", ha aggiunto Amato, "viene subdolamente propagandato dai mezzi di comunicazione, manipolando ad arte il linguaggio con espressioni che nascondono la tragica realtà dei fatti". Sempre ieri Benedetto XVI, in una lettera scritta ai vescovi del Messico è intervenuto contro la depenalizzazione dell'aborto nel paese latinomericano.
"Chiarezza" ha chiesto anche il Sir, agenzia dei vescovi italiani, all'indomani dei congressi dei Ds e della Margherita, mettendo in guardia da "una vecchia concezione laicista di ispirazione ottocentesca". Essa, secondo il Sir, "non rappresenta più un utile cleavage su cui costruire una proposta politica, pure affermando la centralità della famigiia". Quanto al Famìly Day, i promotori, dovrebbero incontrare il leader della Margherita, Rutelli, giovedì prossimo.
Sul versante opposto il ministro Bonino, a Radio Radicale, ha commentato criticamente l'esito dei due congressi: "Noi abbiamo indetto per il 12 maggio il giorno dell'orgoglio laico, la Margherita sostiene il Family day e i Ds si dicono equidistanti rispetto ai due appuntamenti. Credo che questo esempio spieghi bene il mio scetticismo rispetto ad un modo di vivere la politica".