ADERISCI E SOSTIENI il Convegno di Bruxelles su Stato di Diritto e Diritti Umani


Sign

Il 18/19 febbraio a Bruxelles, per lo Stato di Diritto e i Diritti Umani contro la Ragion di Stato, con l'adesione e il sostegno di Antonio Tajani, Elio Di Rupo, Emma Bonino, Guy Verhofstadt, Anna Maria Cancellieri, Fausto Bertinotti, Bernard Kouchner, Louis Michel, Frank Kargbo, Marou Amadou, Giulio Terzi di Sant'Agata, Niccolò Rinaldi, Struan Stevenson, Kok Ksor, Amin Bakhtiar, Marco Pannella, Benedetto Della Vedova, Cesare Salvi, Monsignor Marchetto, Giuseppe Cassini, Paolo e Vittorio Prodi…

Circa 150 Stati nazionali su 193 appaiono come “democrazie reali” attraverso la sistematica rivincita dopo cinquant’anni delle putrefatte “Ragion di Stato”, così come accadde per il “comunismo reale”. Contemporaneamente, il complesso militare industriale ha sviluppato un indiscusso, tremendo potere tecnologico, strutturale e fuori controllo, come profeticamente Ike Eisenhower denunciava in riferimento al potere del “complesso militare industriale congressuale” quale minaccia massima per il mondo e specificamente per gli Stati Uniti. Tecnologie la cui esistenza oggi è nota anche grazie all’affermazione di coscienza di alcuni eroici cittadini: un nome su tutti, Edward Snowden.

Questa duplice letale minaccia alle “Democrazie” - precipitate quasi ovunque nel mondo in “Democrazie Reali”- è diretta contro il Diritto Positivo formalmente ancora vigente e quindi contro ogni Stato di Diritto e i Diritti Umani e contro il “Diritto alla Verità”, che è obiettivo di Riforma già incardinato all’ONU e che noi prefiguriamo come “Diritto Umano alla conoscenza” di quel che lo Stato fa per conto del Diritto e della legalità e per conto dei cittadini in nome dei quali governa.

Per lavorare e dibattere in modo quanto più qualificato possibile, vi chiediamo di sostenere, aiutare, valorizzare anche l’ambizioso CONVEGNO DI BRUXELLES del 18/19 febbraio, quale strumento per incardinare e formalizzare a livello globale la Riforma profonda del rapporto storico schizofrenico che sembra ormai essersi realizzato tra il potere di fatto delle “democrazie reali” e il diritto positivo esistente fondato sul sistema ONU dei trattati e delle convenzioni sui Diritti Umani. Convegno del quale cercheremo di rendere possibile la massima trasmissione e diffusione, anche online.

Ordine dei lavori

SOSTEGNI E ADESIONI

BRUXELLES, 18-19/02/2014

Marou Amadou, Ministro della Giustizia e portaparola del Governo, Niger

Bakhtiar Amin, già Ministro dei Diritti Umani, Iraq

Rita Bernardini, Segretaria di Radicali Italiani, Italia

Fausto Bertinotti, già Presidente della Camera dei Deputati, Italia

Emma Bonino, Ministro degli Affari Esteri, Italia

Gianfranco Borrelli, Professore di Storia delle dottrine politiche, Università di Napoli, Italia

Marin Busdachin, Segretaire Generale della Unrepresented Nations and People's Organization, Italia

Mauro Bussani, Professore di Diritto, Università di Trieste, Italia

Annamaria Cancellieri, Ministro della Giustizia, Italia

Marco Cappato, Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni per la Libertà di Ricerca Scientifica, Italia

Paulo Casaca, ex Deputato europeo, Portogallo

Giuseppe Cassini, ex Ambasciatore, Italia

Oksana Chelysheva, Giornalista alla Russian Chechen Information Agency, Russia

Sergio D’Elia, Segretaria di Nessuno Tocchi Caino (NTC), Italia

Benedetto Della Vedova, Senatore, Italia

Francesco Di Donato, Professore di Scienze Politiche, Università di Napoli, Italia

Giacomo Di Federico, Professore di Diritto dell’Unione Europea, Università di Bologna, Italia

Giuseppe Di Federico, Professore emerito di Ordinamento Giudiziario, Università di Bologna, Italia

Elio Di Rupo, Primo Ministro, Belgio

Andrew Duff, Deputato europeo, ALDE, Regno Unito

Penelope Faulkner, Vice-Presidente di Que Mê: Action for Democracy in Vietnam, Regno Unito

Maria Rosaria Ferrarese, Professore di Scienze Sociali, Università di Cagliari, Italia

Niccolò Figà Talamanca, Segretario Generale di Non C’è Pace Senza Giustizia, Italia

Khaled Fouad Allam, Professore di Sociologia del Mondo Musulmano, Università di Trieste, Italia

Filomena Gallo, Segretaria dell’Associazione Luca Coscioni per la Libertà di Ricerca Scientifica, Italia

José Maria Garcia Marin, Professore di Diritto, Università di Siviglia, Spagna

Roberto Giachetti, Deputato, Vice-Presidente della Camera di Deputati, Italia

Nathalie Gilson, Vice Sindaco di Ixelles (Bruxelles), assessore all’Urbanismo e l’Ambiente, Belgio

Sandro Gozi, Deputato, Vice-Presidente dell’Assemblea Parlementare del Consiglio d’Europa, Italia

Frank Kargbo, Ministro della Giustizia, Sierra Leone

Joël Kotek, Professore di Scienze Politiche, Université Libre de Bruxelles (ULB), Istituto di Studi Politici di Parigi, Belgio

Bernard Kouchner, già Ministro degli Affari Esteri, co-fondatore di Médecins Sans Frontières (Medici Senza Frontiere), Francia

Morissanda Kouyate, Direttore esecutivo del Comitato Inter-Africano sulle Pratiche

Tradizionali, Repubblica della Guinea

Bartosz Kramek, Membro del Consiglio d'Amministrazione della Fondazione Open Dialog, Polonia

Kok Ksor, Presidente della Montagnard Foundation Inc., Stati Uniti

Birgitta Jónsdóttir Deputata, ex Presidente del Partito dei Pirati, Islanda

Sophie in 't Veld, Deputata europea, ALDE, Paesi Bassi

Philip Iya, Professore di Diritto e Direttore della Faculté, Università del Nord-Ovest, Africa del Sud

Mairead Maguire, Premio Nobel della Pace nel 1976, Irlanda del Nord

Pietro Marcenaro, già Presidente della Commissione Diritto Umani del Senato e della

Commissione politica per la Democrazia del Consiglio d’Europa, Italia

Agostino Marchetto, Arcivescovo, Città del Vaticano

Claudio Martelli, già Ministro della Giustizia, Italia

Louis Michel, Deputato europeo, ALDE, già Commissario europeo, Co-Presidente della Delegazione dell’Assemblea Parlementare ACP-UE, Belgio

Giorgio Pagano, Segretario della Esperanto Radikala Asocio, Italia

Marco Pannella, Presidente del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito, Co-Presidente della Conferenza, Italia

Marco Perduca, Segretario della Lega International Antiproibizionista, Italia

Tonino Picula, Deputato europeo, S & D, Croazia

Stephen Plowden, FoIA appellante presso il Ministero degli Esteri britannico, Regno Unito

Paolo Prodi, Professore di Storia, Italia

Vittorio Prodi, Député européen, S & D, Italia

Claudio Radaelli, Professore di Scienze Politiche, Università di Exeter, Regno Unito

Sam Rainsy, Deputato, leader del Cambodian National Rescue Party, Cambogia

Dilixiadi Rexiti, Porteparola del Congresso Mondiale Uiguro, Germania

Niccolò Rinaldi, Deputato europeo, ALDE, Co-Presidente della Conferenza, Italia

Cesare Salvi, già Ministro del Lavoro, Italia

Marietje Schaake, Deputato europeo, ALDE, Paesi Bassi

Josep Soler, Direttore generale dell’Institut d'Estudis Financers (IEF), Spagna

Struan Stevenson, Deputato europeo, PPE, Presidente della Delegazione per le relazioni

con l’Iraq, Regno Unito

Giulio Maria Terzi di Sant'Agata, già Ministro degli Affari Esteri, Italia

Antonio Tajani, Vice-Présidente della Commissione europea, Italia

Owen Thomas, Ricercatore, Università di Exeter, Regno Unito

Saumura Tioulong, Deputata, membro del Cambodian National Rescue Party, Cambogia

Michel Troper, Professore di Diritto, Università di Paris X, Francia

Vo Van Ai, Presidente di Que Mê: Action for Democracy in Vietnam, Francia

Guy Verhofstadt, Deputato europeo, Presidente del Gruppo parlamentare ALDE, già Primo Ministro, Belgio

Otto von Pfersmann, Professore di Diritto, Università della Sorbona, France

Renate Weber, Deputata europea, ALDE, Romania

Elisabetta Zamparutti, Tesoriera di Nessuno Tocchi Caino, Italia

Yves Charles Zarka, Professore di filosofia, Università della Sorbona, Francia

 

AttachmentSize
Nota concettuale conferenza 18.2 IT.pdf283.66 KB
Ordine dei Lavori Conf 18.19 feb.pdf327.48 KB
Privacy: 

Privacy: Informativa sul trattamento dei dati personali I dati personali dell'utente saranno utilizzati dai titolari del trattamento nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal Decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia. La presente informativa riguarda i dati personali inviati dall'Utente al momento della registrazione, nonché quelli ricavati dalle visite e navigazioni nel nostro sito e successivamente forniti dall'Utente per la attivazione dei servizi offerti all'interno del sito. I titolari del trattamento sottopongono i dati personali degli Utenti a tutte le operazioni di trattamento individuate dal D. lgs 196/2003 - ovvero, alla raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modifica, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, ed ogni altra operazione utile alla fornitura dei servizi richiestici, ivi compresa la comunicazione a terzi, ove necessaria - con modalità automatizzate ed informatizzate. Tali dati potranno anche essere organizzati in banche dati o archivi. In particolare, le finalità del trattamento dei dati personali sono le seguenti: * svolgere i servizi e le attività previsti; * verificare la qualità dei servizi offerti; * informare sulle funzionalità e i servizi offerti dal sito e fornire i servizi di informazione periodica (es. newsletter) esplicitamente richiesti; * inviare informazioni non periodiche in ordine alle iniziative ed alle attività dei titolari dei dati * provvedere a tutti gli eventuali adempimenti contabili e fiscali; * risalire ad autori di eventuali illeciti solo in caso di specifiche richieste e per conto delle Autorità competenti. Contitolari del trattamento dei dati personali forniti dall'utente, che saranno registrati su data base elettronici della Centro di Produzione S.p.A.. sono Partito Radicale, con sede in Roma, via di Torre Argentina, 76. Responsabile del trattamento è il l.r.p.t. del Partito Radicale al quale, tramite mail al seguente indirizzo unsubscribe@radicalparty.org o tramite richiesta scritta indirizzata al Partito Radicale, Via di Torre Argentina 76, Responsabile Trattamento Dati Internet, potrà essere inoltrata richiesta per l'esercizio dei diritti di cui all'art. 7 D.lgs 196/2003. I dati personali possono essere suddivisi in due categorie: obbligatori e facoltativi. I dati obbligatori sono contrassegnati con asterisco come risulta nella procedura di registrazione. Il conferimento dei dati obbligatori ed il relativo trattamento per le finalità sopra indicate sono strettamente funzionali all'esecuzione dei servizi indicati. L'eventuale rifiuto dell'utente a fornire tali dati o l'eventuale rifiuto di consentire al loro trattamento comporterà l'impossibilità di usufruire dei servizi offerti. L'Utente potrà accedere ai propri dati in qualsiasi momento ed esercitare i diritti di cui all'art. 7, D. lgs . 196/2003, che di seguito si riporta integralmente: Art. 7 (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti) * L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. * L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: o dell'origine dei dati personali; o delle finalità e modalità del trattamento; o della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; o degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2; o dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. * L'interessato ha diritto di ottenere: o l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; o la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; o l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. * L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: o per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta; o al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale informativo - pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. L'utente, potrà richiedere di integrare, modificare o cancellare i dati, in qualsiasi momento e sotto la propria responsabilità.