25 dicembre 2013 Marcia di Natale per l’Amnistia, la Giustizia, la Libertà, da San Pietro a Palazzo Chigi


Sign

La III Marcia per l’AMNISTIA, la GIUSTIZIA, la LIBERTA’ partirà alle ore 10.00 del 25 dicembre da San Pietro (il raduno dei marciatori inizierà dalle 9.30 in Piazza Pia, all’inizio di Via della Conciliazione) per arrivare davanti la sede del Governo a Palazzo Chigi in Piazza Colonna. Durante la marcia saranno fatte brevi soste davanti al Carcere di Regina Coeli, al Ministero della Giustizia (Via Arenula), al Senato (Corso Rinascimento) e alla Camera dei Deputati (Piazza Montecitorio). Finito il corteo e la manifestazione davanti a Palazzo Chigi, i marciatori si saluteranno nella vicina Piazza San Silvestro, dove si terranno gli interventi conclusivi di saluto e di augurio.

Questo il percorso e le modalità di svolgimento della marcia:
ore 9.15 raduno dei marciatori in Piazza Pia (inizio di Via della Conciliazione)
ore 10.00 partenza della marcia
- lungotevere Sassia
- lungotevere Gianicolense (sosta davanti al Carcere di Regina Coeli)
- lungotevere Farnesina
- Ponte Sisto
- Via dei Pettinari
- Via delle Zoccolette
- Via Arenula (breve sosta davanti al Ministero della Giustizia)
- Largo Argentina
- Corso Vittorio Emanuele
- Piazza Sant’Andrea della Valle
- Via del Teatro Valle
- Piazza di Sant’Eustachio ( breve sosta al Senato della Repubblica )
- Via di Sant’Eustachio
- Piazza della Rotonda
- Piazza Capranica
- Piazza Montecitorio (breve sosta davanti alla Camera dei Deputati)
- Piazza Colonna (sosta davanti a Palazzo Chigi, (Via della Colonna Antonina) sede del Governo)
- Piazza San Silvestro (interventi conclusivi di saluto e di augurio)

 
Dopo il Messaggio alle camere del Presidente della Repubblica Napolitano, dopo quanto affermato dalla Corte Costituzionale nelle motivazioni di una sua recente sentenza, non ci sono più alibi per non fare ciò che è obbligo fare, se vogliamo che il nostro Paese interrompa la flagranza criminale in cui si trova da troppo tempo per le condizioni inumane e degradanti nelle nostre carceri e per le condizioni della nostra Giustizia, massacrata dall’insopportabile zavorra della sua decennale “irragionevole durata dei processi”.
 
L’8 ottobre scorso, nel suo Messaggio alle Camere, il Presidente Napolitano, dopo aver ricordato tutta una serie di misure legislative e amministrative da perseguire congiuntamente, scriveva:
 
(…) “Tutti i citati interventi - certamente condivisibili e di cui ritengo auspicabile la rapida definizione - appaiono parziali, in quanto inciderebbero verosimilmente pro futuro e non consentirebbero di raggiungere nei tempi dovuti il traguardo tassativamente prescritto dalla Corte europea.  Ritengo perciò necessario intervenire nell'immediato (il termine fissato dalla sentenza "Torreggiani" scadrà, come già sottolineato, il 28 maggio 2014) con il ricorso a "rimedi straordinari".”(…)
 
Il 22 novembre scorso, la Corte Costituzionale, nel depositare le motivazioni della sentenza n. 279/2013, riferendosi alla sentenza Torreggiani e alla scadenza del 28 maggio 2014 dalla Corte EDU, scriveva:
 
(…) “È da considerare però che un intervento combinato sui sistemi penale, processuale e dell’ordinamento penitenziario richiede del tempo mentre l’attuale situazione non può protrarsi ulteriormente e fa apparire necessaria la sollecita introduzione di misure specificamente mirate a farla cessare.” (…)
 
Insomma, NON C’E’ PIU’ TEMPO, un provvedimento di AMNISTIA e di INDULTO è strada obbligata se vogliamo smetterla con le torture di Stato in carcere e con la Giustizia negata, perché troppo “irragionevolmente” lunga.
 
La proposta di Marco Pannella di marciare il giorno di Natale da San Pietro alla Sede del Governo a Palazzo Chigi, vede formarsi in queste ore un autorevole Comitato di promozione della Marcia.
 
Perché partiamo da San Pietro, cioè dalla sponda destra del Tevere? “«Anche Dio è un carcerato, non rimane fuori dalla cella», «è dentro con loro, anche lui è un carcerato” – Non solo perché Papa Francesco ha pronunciato frasi così significative incontrando i cappellani penitenziari  ma, soprattutto, perché proprio all’inizio del suo mandato ha fatto due gesti concreti: ha abolito l’ERGASTOLO all’interno dello Stato Vaticano e ha introdotto nell’ordinamento dello stesso il REATO DI TORTURA, cosa che in Italia ancora non si è fatta a distanza di venti anni dalla firma della Convenzione ONU.
 
Perché concludiamo la Marcia davanti a Palazzo Chigi? Perché il Governo è l’interlocutore principale dell’iniziativa. E’ per aiutarlo a svolgere un ruolo di impulso, attivo, nei confronti di un Parlamento, che sembra aver lasciato cadere nel vuoto il messaggio di Napolitano. D’altra parte, a giugno, era stata proprio la guardasigilli Cancellieri a dire “L’amnistia è imperativo categorico morale. Dobbiamo rispettare la Costituzione”
 

Partecipano e promuovono la Marcia di Natale 2013: Don Antonio Mazzi, fondatore delle comunità Exodus, Marco Pannella, Emma BoninoDon Ettore Cannavera, Presidente dei cappellani penitenziari sardi; Eugenio Sarno, Segretario della Uil penitenziaria; sen. Luigi Manconi, Presidente Commissione Diritti Umani del Senato; Patrizio Gonnella, Presidente Associazione Antigone; Salvo Fleres, già Garante dei diritti dei detenuti per la Regione Siciliana; Angiolo Marroni, Garante diritti dei detenuti della Regione Lazio, Stefano Anastasia, Presidente onorario Associazione Antigone; on. Sandro Gozi, Presidente delegazione italiana presso Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, Valerio Spigarelli, Presidente dell’Unione delle Camere Penali Italiane (UCPI); Luigi Amicone, Direttore di Tempi; Enrico Sbriglia, Provveditore Regionale Amministrazione Penitenziaria Piemonte; Marco Arcangeli, Presidente Camere Penali di Rieti; Rosario Tortorella, Segretario Nazionale SI.DI.PE (Sindacato Direttori Penitenziari); sen. Nitto Palma, già Ministro della Giustizia, Presidente della Commissione Giustizia del Senato; Sen. Franco Marini; on. Mario MarazzitiDon Vincenzo Russo, responsabile Casa Caciolle (FI); Leo Beneduci, Segretario OSAPP (Organizzazione Autonoma Polizia Penitenziaria); Antonio Savino, Segretario SNALPE (Sindacato Autonomo Lavoratori Polizia penitenziaria); Padre Massimiliano Sira, Cappellano carcere di Buoncammino; Suor Fabiola Catalano, volontaria del Carcere Velletri; Don Gaetano Galia cappellano carcere Sassari; Don Mario Cadeddu, cappellano carcere Macomer; Don Nicolò Porcu, cappellano carcere di Mamone; Don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele; Margherita Michelini, direttrice del carcere "Mario Gozzini" di Firenze; Ottavio Casarano, direttore C.C. Trieste; on. Giancarlo Galan, già Ministro dei Beni Culturali, Presidente della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione alla Camera; Comune di Lodi e Don Luigi Gatti, cappellano del carcere di Lodi; sen. Felice Casson, Vicepresidente della 2ª Commissione permanente Giustizia; Elisabetta Laganà, Presedente Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia; Alfredo Arpaia, Presidente della LIDU; Lucio Barani, Senatore GAL, Ignazio Marino, Sindaco di Roma, Roberto Giachetti, Vice-Presidente Camera dei Deputati, Franca Chiaromonte, già Senatrice, Letizia Paolozzi, giornalista;Salvatore Chiaramonte e Fabrizio Fratini, CGIL Funzione Pubblica; Santino Spinelli in Arte Alexian, musicista, compositore e insegnante italiano di etnia rom; G​​ian Mario Gillio, direttore di "Confronti";Alberto Cristianini, Sindaco di Signa Adriano Sofri, giornalista, scrittore; Andrea Barducci, Presidente della Provincia di Firenze; Alberto Cristianini, Sindaco di Signa; Giuliano Pisapia, Sindaco di Milano (IL COMUNE DI MILANO INVIA LA BANDIERA)


Organizzazioni promotrici della III Marcia di Natale per l’AMNISTIA, la GIUSTIZIA, la LIBERTA’:

Partito Radicale, Radicali italiani, Unione della Camere Penali Italiane (UCPI); Ristretti Orizzonti, Nessuno Tocchi Caino, SI.DI.PE (Sindacato Direttori Penitenziari); Non c’è Pace Senza Giustizia, Settimanale Tempi, Detenuto Ignoto, Associazione Luca Coscioni, Radio Radicale, Esperanto Radikala AsocioComunità di Sant'Egidio; Cooperativa PID – Roma (Pronto Intervento Disagio); Cooperativa Sociale Arte Integrale – Roma; Radicali per Sant’Ambrogio; @.r.a., Associazione Radicale Antiproibizionisti; Sesta Opera San Fedele ONLUS; Lega Italiana dei Diritti dell'Uomo; La Nazionale Italiana Cantanti, Associazione Fuori dall'ombra; Associazione Radicale Certi Diritti; Fp Cgil nazionale; ASSOCIAZIONE SANDRO PERTINI PRESIDENTE; Psichiatria Democratica
 

 

Privacy: 

 Informativa sul trattamento dei dati personali

I dati personali dell'utente saranno utilizzati dai titolari del trattamento nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal Decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia.

La presente informativa riguarda i dati personali inviati dall'Utente al momento della registrazione, nonché quelli ricavati dalle visite e navigazioni nel nostro sito e successivamente forniti dall'Utente per la attivazione dei servizi offerti all'interno del sito.

I titolari del trattamento sottopongono i dati personali degli Utenti a tutte le operazioni di trattamento individuate dal D. lgs 196/2003 - ovvero, alla raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modifica, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, ed ogni altra operazione utile alla fornitura dei servizi richiestici, ivi compresa la comunicazione a terzi, ove necessaria - con modalità automatizzate ed informatizzate.

Tali dati potranno anche essere organizzati in banche dati o archivi. In particolare, le finalità del trattamento dei dati personali sono le seguenti:

* svolgere i servizi e le attività previsti;
* verificare la qualità dei servizi offerti;
* informare sulle funzionalità e i servizi offerti dal sito e fornire i servizi di informazione periodica (es. newsletter) esplicitamente richiesti;
* inviare informazioni non periodiche in ordine alle iniziative ed alle attività dei titolari dei dati
* provvedere a tutti gli eventuali adempimenti contabili e fiscali;
* risalire ad autori di eventuali illeciti solo in caso di specifiche richieste e per conto delle Autorità competenti.

Contitolari del trattamento dei dati personali forniti dall'utente, che saranno registrati su data base elettronici della Centro di Produzione S.p.A.. sono Partito Radicale, con sede in Roma, via di Torre Argentina, 76. Responsabile del trattamento è il l.r.p.t. del Partito Radicale al quale, tramite mail al seguente indirizzo unsubscribe@radicalparty.org o tramite richiesta scritta indirizzata al Partito Radicale, Via di Torre Argentina 76, Responsabile Trattamento Dati Internet, potrà essere inoltrata richiesta per l'esercizio dei diritti di cui all'art. 7 D.lgs 196/2003.

I dati personali possono essere suddivisi in due categorie: obbligatori e facoltativi. I dati obbligatori sono contrassegnati con asterisco come risulta nella procedura di registrazione. Il conferimento dei dati obbligatori ed il relativo trattamento per le finalità sopra indicate sono strettamente funzionali all'esecuzione dei servizi indicati. L'eventuale rifiuto dell'utente a fornire tali dati o l'eventuale rifiuto di consentire al loro trattamento comporterà l'impossibilità di usufruire dei servizi offerti.

L'Utente potrà accedere ai propri dati in qualsiasi momento ed esercitare i diritti di cui all'art. 7, D. lgs . 196/2003, che di seguito si riporta integralmente:

Art. 7 (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti)

* L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
* L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
o dell'origine dei dati personali;
o delle finalità e modalità del trattamento;
o della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
o degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
o dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
* L'interessato ha diritto di ottenere:
o l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
o la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
o l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
* L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
o per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
o al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale informativo - pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

L'utente, potrà richiedere di integrare, modificare o cancellare i dati, in qualsiasi momento e sotto la propria responsabilità.