TEODORI: LA GIUNTA DELLE ELEZIONI SI DIMETTA COLLEGIALMENTE SE VUOLE METTERE FINE AD UN COMPORTAMENTO DA "PERACOTTARI".


La Giunta delle Elezioni e molti dei suoi componenti continuano in un comportamento da "peracottari". Dopo essersi gingillati per due anni in operazioni che hanno condotto ad un nulla di fatto, avendo respinto la mia proposta di procedere subito nel 1987 alla revisione integrale del collegio, oggi si cade nel ridicolo di rinviare alla assemblea della Camera una decisione che non gli spetta. La Presidente della Camera, a norma di regolamento, può solo comunicare all'assemblea la convalida o l'annullamento di determinate elezioni. Non vi può essere dibattito d'aula nè vi può essere una relazione della Giunta all'aula al di fuori di una precisa proposta di convalida. Ecco un'altra ragione perchè la Giunta collegialmente con in testa il suo presidente si dimetta prendendo atto della propria impotenza e mettendo fine alla brutta figura di fronte al paese.