TELEKOM SERBIA, MANFREDI: SAGGIA LA DECISIONE DEL GIP DI TORINO DI PERMETTERE LA PROSECUZIONE DELLE INDAGINI FINO A FINE FEBBRAIO


<!-- sottotitolo -->
Il Parlamento fara’ adesso la sua parte?
<!-- fine sottotitolo -->
<!-- data e fonte --> <!-- fine data e fonte -->
Torino, 17 novembre 2004

<!--

-->

Alla notizia che il gip di Torino, Francesco Gianfrotta, ha deciso di permettere alla locale procura di proseguire le indagini sull’affaire Telekom Serbia fino al 28 febbraio 2005, Giulio Manfredi (Comitato Nazionale Radicali Italiani) ha commentato:<?xml:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-com:office:office" />

 

“Dopo lunga attesa, è arrivata una decisione saggia e utile; darà tempo prezioso agli inquirenti torinesi per effettuare le rogatorie richieste all’estero, in particolare in Serbia e in Gran Bretagna, per acquisire le testimonianze dei protagonisti non italiani della vicenda. Mi auguro che la notizia che arriva da Torino serva anche da sprone al Parlamento per tirare fuori dai cassetti la proposta di legge (5290, Selva e altri) per la ricostituzione della commissione parlamentare di inchiesta; occorre portare a termine il lavoro iniziato dalla prima commissione e miseramente interrotto lo scorso luglio, con la scomparsa dalla scena del presidente Trantino e addirittura la non presentazione alle Camere di una relazione finale, prevista dalla legge istitutiva.”.

 

N. B. Il libro “Telekom Serbia: Presidente Ciampi, nulla da dichiarare? – Diario ragionato del caso dal 1994 al 2003” di Giulio Manfredi (edizioni Stampa Alternativa/Nuovi Equilibri, con postfazione di Marco Pannella) è acquistabile in libreria o telefonando allo 011/230.90.06 (Associazione Radicale Adelaide Aglietta).